La Pro Loco di Pianello Val Tidone è un'associazione di Volontariato, senza Scopo di Lucro, per la Promozione Turistica, Sociale, dei Prodotti e delle Tipicità Locali della Val Tidone. E' iscritta all'UNPLI Unione Nazionale delle Pro Loco d'Italia ed opera nella località di Pianello Val Tidone...

In questo sito web sono raccolte le attività, gli scopi sociali e le notizie relative alla vita dell'associazione. Tutti gli Eventi e i relativi dettagli, un'ampia raccolta di informazioni turistiche relative alla Val Tidone, le informazioni eno-gastronomiche, News, Video, Webcam, Dove Mangiare, Dove Dormire, Cosa Visitare ...e tanto altro lo trovate sul Portale Turistico, gestito dalla Pro Loco all'indirizzo: www.pianellovaltidone.net

Guida Eventi e Turismo Pianello Val Tidone

In questa pagina i principali eventi, fiere e sagre tipiche a Pianello Val Tidone con i riferimenti per visualizzare dettagli ed apronfondimenti.

In questa pagina sono elencate esclusivamente le Manifestazioni di maggior interesse e che hanno un richiamo extra-regionale.

{xtypo_info}Sul Portale Turistico alla Pagina Eventi è possibile visualizzare tutti gli eventi di interesse culturale, folkloristico, tradizionale, eno-gastronomico, a Pianello Val Tidone e nei dintorni...{/xtypo_info}

{xtypo_rounded2}Pianello Val Tidone: feste e sagre tipiche.{/xtypo_rounded2}

{xtypo_info}Fiere e Sagre Tipiche a Pianello Val Tidone sul Portale Turistico{/xtypo_info}

Le manifestazioni e le Sagre tipiche organizzate e promosse dalla Pro Loco di Pianello Val Tidone. Sono decenni che la Pro Loco di Pianello V.T. in collaborazione con vari enti e grazie al supporto dei volontari e dei commercianti locali promuove le diverse Sagre Tipiche con lo scopo di mantenere vive le tradizioni, i sapori e le specialità tipiche; oltre a favorire attività di aggregazione sociale e divertimento.

Oltre alla tradizionale attività agricola, negli anni a Pianello si è sviluppata anche l'attività di ricezione turistica, specialmente come tappa di itinerari enogastronomici legati ai prodotti del territorio piacentino, i tre salumi piacentini D.O.P. quali coppa, pancetta e salame e vini come il Gutturnio, l'Ortrugo e la Malvasia riconosciuti con il marchio D.O.C. Colli Piacentini.

{xtypo_rounded2}30 Aprile - 1 Maggio - Festa della Galëina grisa (d'la Galeina Grisa) e la Fiera di Primavera.{/xtypo_rounded2}

{xtypo_info} Dettagli e Programma »» {/xtypo_info}

Le origini di questa festa sono antiche e radicate nella cultura popolare delle quattro provincie dell'appennino, Piacenza, Pavia, Genova e Alessandria. In Valtidone la notte del 30 Aprile gruppi di giovani si riuniscono e si inoltrano nelle campagne verso frazioni e casolari. Giunti nelle aie intonano la tradizionale "maggiolata" propiziatoria. Durante questo canto la padrona di casa si affaccia a donare le uova e riceve in cambio la strofa di ringraziamento e di buon auspicio, ma se non si affaccia c'è una apposita strofa che prevede disgrazie per chioccia e pulcini. Spesso i cantori vengono invitati in casa per una bevuta, ma presto il giro prosegue verso altri casolari e così fino alle prime luci dell'alba. Le uova raccolte vengono cucinate dalla compagnia. In concomitanza con la Fiera di Primavera del 1 Maggio la Pro Loco organizza la Festa d'la Galeina Grisa con stand gastronomici che offrono frittate, salumi, piatti locali e ottimo vino, rigorosamente dei colli piacentini Sul palco canti popolari e danze in piazza.

{xtypo_rounded2}domenica precedente alla Fiera d'Agosto - Festa del Cotechino{/xtypo_rounded2}

{xtypo_info} Dettagli e Programma »» {/xtypo_info}

La Domenica antecedente l'ultimo mercoledì di agosto si celebra la Festa del Cotechino (insaccato di carne di maiale cotto alla brace o bollito, specialità del luogo). E' la manifestazione principale organizzata dalla Proloco pianellese, dopo la Festa della Gallina Grigia il 1° Maggio. Protagonisti i Salumi Dop piacentini, i vini Doc e la gastronomia tipica piacentina. Per l'occasione si organizzano spettacoli, serate danzanti, mostre e attività collaterali.

{xtypo_rounded2} ultimo mercoledì d'Agosto - Grande Fiera d'Agosto{/xtypo_rounded2}

{xtypo_info} Dettagli e Programma »» {/xtypo_info}

L'ultimo mercoledì di agosto si tiene la Fiera d'Agosto. In passato la fiera raccoglieva gli agricoltori e gli allevatori di tutta la valle per lo scambio di merce e bestiame. Piazza mercato era letteralmente ricoperta di bestiame e merci agricole pronte per essere vendute ed acquistate. Lo scambio avveniva in un momento fondamentale, alla fine della stagione estiva, prima della vendemmia.

{xtypo_rounded2}Domenica successiva al 22 Settembre - Festa Patronale e Fiera di San Maurizio{/xtypo_rounded2}

{xtypo_info} Dettagli e Programma »» {/xtypo_info}

La prima domenica dopo il 22 settembre si celebra la fiera del patrono, San Maurizio.

Tradizionale festa patronale vede da numerosi anni la partecipazione degli Sbandieratori di Cerreto Guidi, località toscana gemellata con il Comune di Pianello Val Tidone. Prevede solenni celebrazioni liturgiche in memoria ed onore del Santo Patrono, in piazza Stand con le specialità locali e festeggiamenti con luna park e serate danzanti. Inoltre iniziative culturali, mostre ed esposizioni. Tradizione cinquant'enne della Festa di San Maurizio sono anche i fuochi artificiali. Novità del 2009 di questa manifestazione è la rassegna eno-gastronomica "Pianello Frizzante" organizzata dalla omonima associazione formata dai produttori locali di vini, salumi e prodotti tipici e dall'amministrazione comunale.

Un tempo dedicate alla compravendita del bestiame, le fiere di Pianello attiravano visitatori, venditori e compratori da tutto il piacentino e dal vicino Oltrepò Pavese. Oggi le fiere del paese sono grandi mercati in cui si trovano merci di ogni tipo, con un vasto assortimento di macchinari agricoli.

Le attività della Pro Loco di Pianello Val Tidone si riferiscono al seguente elenco:

Promozione e Valorizzazione dell’offerta turistica di Pianello, dei dintorni e della Val Tidone.
Promozione degli Eventi e delle Manifestazioni che si tengono presso la località
Promozione e valorizzazione dei prodotti tipici, vini Doc, salumi Dop dei colli piacentini e della cucina locale pianellese e piacentina in genere.
Promozione di festeggiamenti, sagre, spettacoli, manifestazioni, mostre, rassegne con finalità turistica, ludico culturale e ricreativa.

La Pro Loco di Pianello oltre a collaborare con enti e associazioni per lo svolgimento delle varie manifestazioni fornendo attrezzature, materiale e competenze organizza e promuove direttamente ogni anno le seguenti manifestazioni:

Festa d’la Galeina Grisa (Gallina Grigia) - 1° Maggio
Festa del Cotechino - domenica precedente la Grande Fiera d’Agosto.
Grande Fiera d’Agosto - ultimo mercoledì di Agosto
Festa Patronale di San Maurizio - domenica successiva al 22 Settembre.

In ogni manifestazione sono attivi gli Stand Gastronomici con i prodotti e i vini tipici oltre alle Serate Danzanti che interessano piazza Umberto I nel centro del paese.

Ogni anno in seguito viene allestito il programma che prevede ulteriori manifestazioni durante la stagione estiva fino ad ottobre.

La Pro Loco di Pianello Val Tidone dispone di una Cucina coperta di oltre 150 metri quadrati allestita ora in piazza Umberto I. Gli stand che rimangono attivi da Aprile ad Ottobre garantiscono l’attività delle manifestazioni e delle sagre.
La cucina è dotata di tutte le attrezzature a norma di legge e approvate dal servizio sanitario regionale e si compone di diversi strumenti che permette la prepazione di qualsiasi piatto o pietanza oltre alla griglieria e rosticceria.
L’impianto elettrico per una potenza nominale di 55kW a norma di legge e di ultima generazione assicura i servizi, l’illuminazione e il funzionamento dei macchinari e dei frigo in cucina oltre che servire il palco (per 30kW di potenza) dove orchestre e gruppi Live si esibiscono nelle serate.

L’associazione inoltre dispone di palco, pista da ballo in acciaio inox, capannone ultraleggero “Lunardi” di 240 metri quadrati che ospita tavoli e panche per i visitatori che vogliono degustare le specialità preparate all’interno della cucina.

La Pro Loco di Pianello Val Tidone nasce nel 1966 ed è un associazione di volontari apolitica e senza scopo di lucro.

Gli scopi sociali prevedono attività per lo sviluppo e promozione della località che si riassumono nei seguenti punti:

- Riunire tutti coloro (enti, esercenti, associazioni, privati in genere) che hanno interesse morale e materiale allo sviluppo della località.
- Promuovere e facilitare il movimento turistico
- Promuovere festeggiamenti, gare, convegni, spettacoli pubblici, gite ed escursioni per attirare i turisti nella località e dare svago e diletto a quanti vi soggiornano per un periodo più o meno lungo.
- Vigilare sullo svolgimento dei servizi locali interessanti il turismo e le relative offerte; proporre le opportune modifiche alle competenti autorità...

L’associazione si occupa annualmente ed in collaborazione con altri enti e assoiazioni di organizzare e promuovere le numerose sagre, feste e fiere che si tengono a Pianello Val Tidone e di coordinare le attività di promozione degli eventi e delle attività turistiche.


Le proposte degli Eventi spaziano dalle Sagre e Fiere tipiche alle novità più vicine ai giovani, Mercatini, Spettacoli vari. In forte collaborazione con il Centro Sociale Anziani e con il Comune di Pianello Val Tidone organizza annualmente oltre 10 manifestazioni di vario genere.


Da circa due anni una buona parte delle energie viene spesa per potenziare la promozione turistica. Grazie al sito web attivo da marzo 2009 l’associazione offre informazioni turistiche, informazioni riguardo gli eventi, dove mangiare, dove dormire, ecc. Il Portale Turistico è all'indirizzo www.pianellovaltidone.net


Ogni anno grazie al contributo dei numerosi sponsor e sostenitori pianellesi e dei dintorni viene redatto materiale vario per la promozione e la diffusione delle attività e delle risorse turistiche a Pianello Val Tidone.

L’associazione è formata da volontari che prestano la loro opera e le loro competenze gratuitamente e nel tempo libero per l’attività sociale. Il Consiglio Direttivo per il biennio 2011-2012 è formato da:

Giuseppe Negri (Presidente) - (Organizzazione, Montaggio Strutture, Coordinamento)
Gianpaolo Nume (Vicepresidente) - (Organizzazione, Rapporti con le Istituzioni)
Andrea Braghieri (Segretario) - (Segreteria, Uff. Stampa, Pubblicità, Internet, Unpli)
Giovanni Pomengi (Tesoriere) - (Acquisti, Pagamenti, Contabilità, Sponsor, Direz. Artistica)
Malvicini Valerio (Magazziniere) - (Magazzino, Custodia e Montaggio Strutture e attrezz.)
Fornasari Luigi (Magazziniere)
Franchi Danilo (Resp. Haccp) - (Resp. Pratiche e Documenti Haccp, Igiene)
Battini Egidio (Resp. Tecnico) - (Manutenzione, Sicurezza)
Panarello Giuseppe
Delfitto Valter
Domenico Petrassi

La Pro Loco di Pianello Val Tidone aderisce all’UNPLI (Unione Nazionale Pro Loco d’Italia) l'associazione di categoria delle Pro Loco italiane.

- Cos’è una Pro Loco? Qual'è il profilo di un'associazione Pro Loco?

Le Pro Loco sono associazioni turistiche per lo sviluppo e la promozione turistica della Località. (fonte: Unpli Comitato Provinciale di Piacenza).

Cos’è una ProLoco?

Portale delle Pro Loco; Area Pro Loco.... Ma che cos'e' la Pro Loco?
Cerchiamo di comprendere la natura e il ruolo della Pro Loco partendo dalle sue finalità generali.

La Pro Loco e' un sodalizio che deve proporsi di realizzare, tutti o in parte, i seguenti scopi:

1. individuare, conservare, contribuire a creare il patrimonio culturale (monumenti, storia, tradizioni, leggende, istituzioni culturali ecc.) e ambientale dell'area di competenza;

2. valorizzare turisticamente questi patrimoni, facendoli quindi conoscere e proponendoli al pubblico in forma adeguata;

3. creare iniziative (come manifestazioni, spettacoli ecc.) per richiamare turisti in zona;

4. diffondere sul territorio la cultura del turismo: ossia operare perche' sul territorio si vengano a creare fra i residenti, gli enti pubblici, gli operatori commerciali, gli enti e le associazioni privati, un complesso di situazioni che rendano gradevoli e appetibili la visita e il soggiorno del turista.

Vediamo le cose da un altro punto di vista, quello delle norme. Per la legge la Pro Loco e' un'associazione privata, (di solito) non riconosciuta. Di tale categoria di enti si occupa l'art. 36 del codice civile per stabilire unicamente che essi sono regolati esclusivamente dallo statuto (qualche altro articolo Ú dedicato alle forme della loro rappresentanza e alle connesse responsabilità).

La Pro Loco non e' l'unica associazione che si propone di favorire il turismo. E' per l'unica che, almeno come nome, e' diffusa su tutto il territorio nazionale. Soprattutto, poi, e' l'unica che sia indicata nella legge-quadro sul turismo (n. 135/2001) e in altre leggi e disposizioni. In particolare va ricordata a questo proposito la legge-quadro sulle associazioni di promozione sociale (d'ora in poi abbrevieremo in aps; l. 383/2000), la quale stabilisce che, per ottenere le agevolazioni da essa previste, le associazioni devono essere iscritte in registri che sono regolamentati da leggi regionali.

I campi d'azione “naturali” della Pro Loco sembrano dunque quello del turismo e quelli ad esso collegati (cultura, ambiente, spettacolo, e simili). L'Unione Nazionale delle Pro Loco (UNPLI), che raccoglie gran parte delle Pro Loco operanti sul territorio nazionale, e' inoltre riuscita ad ottenere la qualifica di ente assistenziale ai fini dell’art. 20 del decreto del Presidente della Repubblica (DPR) n. 640/1972 (consente una riduzione del prezzo dei titoli di accesso, cioè dei biglietti di ingresso agli spettacoli) e dell’art. 3 della legge n. 287/1991 (consente di aprire circoli ricreativi prescindendo dai parametri stabiliti per gli altri esercizi pubblici).


Quante Pro Loco?

Quante Pro Loco possono esistere in un comune? Domanda che riaffiora di tanto in tanto. La Regione Emilia Romagna e' priva di una specifica legislazione in materia di Pro Loco, pertanto la denominazione di Pro Loco non e' tutelata e dunque qualsiasi gruppo puo' assumere tale denominazione. Da piu' parti (Pro Loco, consiglieri regionali) si sta chiedendo da tempo - ma finora senza risultato - alla stessa Regione una legge specifica per queste associazioni, che consenta solo a quelle che presentano determinate caratteristiche di chiamarsi Pro Loco.

Nell'ambito di uno stesso comune e anche di una stessa località  in Emilia Romagna possono dunque coesistere due o più associazioni Pro Loco.


Il profilo

La Pro Loco, alla pari di ogni altra associazione, assume una configurazione specifica in base al proprio statuto. Una sua carta d'identità generale può comunque essere fornita. Diciamo allora che si tratta di una associazione privata priva di scopo di lucro, (di solito) non riconosciuta, costituita per gli scopi che abbiamo visto sopra. Gia' con questa definizione abbiamo portato l'attenzione su alcune caratteristiche di fondo dell'ente. Esaminiamo allora uno per uno gli elementi della definizione.

a) associazione: in generale questa e' l'aggregazione stabile di piu' persone costituita per conseguire, in un arco di tempo prolungato, le finalita' indicate dallo statuto. I 'titolari', o, se si vuole, i 'proprietari' dell'associazione sono i soci: essi decidono di dar vita all'associazione, di 'stare insieme' secondo regole liberamente scelte nel momento di approvazione dello statuto, di far cessare eventualmente la vita dell'ente prima del termine fissato, e cosi' via.

La volontà univoca dei soci si forma all'interno dell'assemblea e del Consiglio Direttivo. Di norma si diventa soci versando ogni anno una quota stabilita dall'organo direttivo della Pro Loco;

b) privata: la Pro Loco ha carattere privatistico, come un tennis-club, un circolo filatelico, un'associazione che si propone di valorizzare la buona cucina. Non e', quindi, un ente che, piu' o meno velatamente, puo' essere visto come espressione della Amministrazione Comunale o di altri enti pubblici. Dunque, se ad esempio il Presidente della Pro Loco rassegna le dimissioni, deve farlo nelle mani dell'assemblea e non in quelle del sindaco o dell'assessore o del rappresentante di un altro ente pubblico;

c) senza scopo di lucro: le ultime normative richiedono insistentemente la presenza nello statuto di questa clausola espressa. La quale, pero', non vuol dire che la Pro Loco non possa o non debba ricavare utili dalle proprie iniziative: possibilmente, invece, è bene che essa miri a conseguire utili, onde costituirsi un solido patrimonio che consenta l'elaborazione di progetti di importante rilievo. Significa invece che, in modo assoluto, non possono essere distribuiti utili, ne' direttamente ne' indirettamente, tra i soci; e non puo' mai, nemmeno all'atto dello scioglimento, essere suddiviso il patrimonio tra gli stessi soci;

d) non riconosciuta: vuol dire che l'ente non ha richiesto la 'personalità  giuridica', cioe' ha evitato di dar corso a una pratica burocratica che, a fronte di alcuni vantaggi, procura anche conseguenze negative. Nulla vieta, pero', ad una Pro Loco di richiedere e ottenere la 'personalità' e diventare così 'riconosciuta'.